Come Guadagnare con le Ripetizioni

La lista dei lavori che potrebbero essere fatti direttamente tramite web è davvero infinita, basta avere un po’ di fantasia per adeguare qualsiasi professione all’esercizio tramite internet.

In questo contesto e in virtù del fatto che i giovani sono dei veri e propri internet addict, una delle mansioni oggi facilmente attuabile tramite web è quella relativa alle ripetizioni scolastiche.

Basta avere un pc con connessione di tipo flat, avere installato un software di messaggistica istantanea e VoIP, come Skype, una webcam e un microfono per cominciare a lavorare e a guadagnare. Questo tipo di lavoro è davvero molto flessibile e può essere esercitato anche a coadiuvo di altri tipi di impiego, per arrotondare lo stipendio. Ovviamente bisogna regolarizzare il tutto, emettendo ricevute per i lavori fatti.  Per scrivere il documento è possibile seguire questa guida sulla ricevuta per prestazione occasionale presente su questo sito.

Risulta essere chiaro che avere le conoscenze, il software e l’hardware necessari non basta ad aprire immediatamente le porte della redditività: una volta che tutto l’occorrente è pronto, bisogna infatti attuare un piano di promozione per fare conoscere il servizio a più utenti possibili. Annunci, banner, scambio link, un sito di supporto, profili sui social network sono azioni da intraprendere contemporaneamente se abbiamo la necessità di ottenere risultati in breve tempo.

Per avviare una vera e propria campagna promozionale dobbiamo a priori avere ben chiaro cosa possiamo fare in base alle conoscenze che effettivamente abbiamo (su cosa possiamo dare lezioni, che livello di conoscenza sugli argomenti abbiamo), il target su cui vogliamo far leva (scuole medie, superiori, università), quanto tempo possiamo dedicare all’attività (quante ore al giorno, quanti giorni la settimana), quali sono le nostre tariffe e il metodo di pagamento di cui gli eventuali clienti possono usufruire (esempio, paypal, bonifico bancario, ricarica postpay, ecc.). Stabiliti tali punti fermi, non ci resta che dedicarci alla professione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *